Roberta Angeletti

BIO

Mi diplomo in pittura e inizio a insegnare. Scopro la bellezza e il piacere di illustrare libri quando, un po’ dopo, cedo alla tentazione di tornare piccola (epoca in cui non facevo altro che disegnare). E non per nostalgia né per preoccupante regressione. Mi serviva tornarci per sperimentare fino in fondo l’efficacia di quei linguaggi che meglio mi permettevano di comunicare con e tra i piccoli: le immagini, l’arte, i colori, le mani sporche di pennarello, le pagine dei libri, le parole e le figure che le contenevano. Da allora ho illustrato circa una trentina di libri con editori italiani e stranieri. Nel mio lavoro di insegnante faccio il possibile affinché confluiscano tutte queste convinzioni ed esperienze. Due gravi carenze: non frequento i social e sono “tutta analogica” quando disegno, non posso farci niente, per ora. Mi dedico all’illustrazione con passione anche in direzioni a carattere formativo (laboratori, seminari, collaborazioni con scuole e biblioteche. PAGINEaCOLORI è la mia finestra panoramica sul mondo dell’editoria per l’infanzia, vastissimo e pieno di fascino. Dirigere questo evento mi procura quel grande piacere che nasce dalla convinzione di fare una cosa buona e bella di cui molti bambini (crescendo) e non pochi adulti (invecchiando) spero possano gioire e arricchirsi.

RIFLESSIONE

Capita di cadere. Non può non capitare. Capita a tutti, camminando. E la grande varietà di capitomboli che ne è l’effetto, corrisponde allo stile, sempre diverso, delle cadute: si scivola, si precipita, si ruzzola, si inciampa, si crolla, si riceve una spinta, si sprofonda, ci si lancia, convinti di farcela in qualche modo, e invece no, si cade lo stesso. Le cadute sono sfumature della vita, sono i passi falsi, gli imprevisti, i dolori, le sorprese che vestono attimi e situazioni, i turbamenti, le scoperte, i grandi e i piccoli cambiamenti, capaci di sconvolgerci o di spingerci verso il flusso naturale e a volte gioioso delle cose. Che ci si riesca a rialzare sempre non lo so. Ma che una convinta esortazione a farlo possa funzionare, me lo auguro. Anche perché di stare fermi non piace a nessuno. E perché si va avanti, non c’è scelta, ed è giusto così. Camminando.

Capitomboli

LE ILLUSTRAZIONI DEL LIBRO

Scelto perchè…

Camminando capita di cadere, scivolare, precipitare, ma anche di ruzzolare, inciampare o crollare. Le pagine di questo libro ci accompagnano attraverso le sfumature della vita, gli imprevisti, i dolori, le sorprese che vestono attimi e situazioni, offrendo un repertorio di cadute che svela il significato più profondo del cadere, nella vita. E cioè …il coraggio di cambiare, rimanendo sé stessi, rialzandosi.

WORK IN PROGRESS… da febbraio 2024

Cammina cammina… eccoci qua, con una rigidissima tabella di marcia, decisi a raggiungere nei prossimi mesi le seguenti tappe:

1) incontri con gli autori Susanna Mattiangeli, Silvia Vecchini, Gabriele Clima …per le scuole;

2) altri incontri culturali con ospiti specialissimi, primo fra tutti il Prof. Alberto Pellai;

3) presentazione di libri, laboratori e passeggiate varie;

4) e infine il nostro traguardo: la mostra del mese di aprile, cuore del Festival, che ci auguriamo possa ispirare in ogni visitatore, grande o piccolo che sia, il grande desiderio di …fare tanti “passi avanti” d’ogni tipo!

Leggi l'edizione digitale

Per approfondire

Illustrazioni e libri della XVII Edizione

Per approfondire

Io dico che...

Un piccolo ma doveroso spazio dedicato a qualcuno dei tanti che su PaC hanno molto da dire...

Con il Contributo di

In collaborazione con

Le nostre attività

Si Ringraziano

La Città di Tarquinia; la Biblioteca Comunale, tutti gli ospiti, gli illustratori e gli autori di questa edizione. L'U.S.S. "V. Cardarelli'", i suoi studenti e la DS Dott.ssa Laura Piroli; il prof. Francesco Rotatori per il coordinamento delle attività di formazione; la prof.ssa Elena Mozzetta per la formazione degli studenti; l’I.C. "E. Sacconi", tutti i loro insegnanti per la convinta adesione al progetto e la partecipazione alle iniziative, la Prof.ssa Daniela Malatini e la maestra Vania Amantini come referenti del progetto; Claudia Astolfi per il prezioso e puntuale aiuto; l'Associazione di Promozione Sociale Dandelion e Valeria Peparello per la partecipazione appassionata alla definizione del programma del Festival; la Unicoop Tirreno - Sezione Soci Etruria, in particolare i volontari di questa che continuano con entusiasmo a identificarsi nell'iniziativa ed a garantire la loro preziosa partecipazione; la sa-cietà tarquiniese d'Arte e Storia e il suo presidente Alessandra Sileoni; la Regione Lazio. II CAG - Centro di Aggregazione Giovanile; Don Augusto Baldini e la Parrocchia di San Giovanni; e tutti colori che dando il loro pieno appoggio alle finalità di PAGINE COLORI, continuano a offrire un significativo sostegno alla Manifestazione.

Direttore Artistico della Manifestazione: Roberta Angeletti

Segreteria e pubbliche relazioni: Maria Letizia Sileoni e Valeria Peparello

Ufficio stampa: Daniele Aiello Belardinelli

Design multimediale: Tiziano Crescia

Video: Fabrizio Farroni, David Cerquatella

Fotografia: Ilaria Ceniti, Stefano Dili

Responsabile della Biblioteca e referente: Luca Gufi, Federica Cerasa e Debora Cardoni

Seguici su